Riforma del catasto? Tre anni e 500 milioni

Riforma del catasto e delega fiscale: l’articolo di Giuliano Balestreri su Repubblica .

Tre anni e 500 milioni di euro. E’ quanto dovrebbe servire agli addetti ai lavori per portare a termine la riforma del catasto contenuta nella delega fiscale.

Dopo le audizioni alla Camera e al Senato, sono partiti i lavori della commissione che ha il compito di attuare la legge. Punto cardine della norma è il catasto per il quale il governo ha stanziato 205 milioni fino al 2019. Le tappe sono serrate; entro giugno la formazione delle commissioni censuarie, entro fine anno la definizione dei parametri sui quali costruire l’algoritmo per definire il valore dei 60 milioni di immobili italiani. Valori sui quali verrà definita la base imponibile.

Il governo vuole un fisco più equo. Per questo spariranno i vani a favore dei metri quadrati, ma nel calcolo entrerà anche la classe energetica, l’affaccio dell’appartamento, la vetustà o la presenza di eventuali vincoli: il numero dei parametri non sarà eccessivo, ma dovrà essere congruo a raggiungere l’obiettiva cui mira l’esecutivo.

Per evitare contenziosi e problemi futuri, poi, la legge delega fissa un paletto invalicabile: l’algoritmo utilizzato dovrà essere validato scientificamente. Non potranno essere quindi utilizzati metodi empirici.

Resta da risolvere anche il problema della regressività: il valore dei metri quadri cala progressivamente negli immobili ad ampia metratura. Al lavoro ci sono diversi tecnici. Tre tre professionisti di Viareggio (Roberto Taucci, Marco Mancini e Daniele Bonucelli) hanno messo a punto Valoriimmobiliari, ma sul campo sono scesi anche i geometri fiscalisti il cui presidente, Mirco Mion, è al tavolo di lavoro voluto dall’ordine nazionale: “Si può davvero rivoluzionare il catasto – dice Mion – ripartendo dall’anagrafe immobiliare integrata, rimasta lettera morta anche per la legge delega”. Il nodo da sciogliere secondo il numero uno dell’Agefis, i geometri fiscalisti, è quando far scattare l’anno zero per il nuovo catasto: il momento in cui azzerare la vecchia fiscalità per sostituirla con la nuova. 

I tempi necessari potrebbero anche essere rapidi, soprattutto con l’intervento sul territorio dei 560mila tecnici abilitati ad effettuare le rilevazioni. In Emilia Romagna, dopo il terremoto, grazie all’utilizzo di un software dedicato gli immobili sono stati mappati in pochi giorni: “Gli strumenti ci sono, il metodo applicato in Emilia è certamente replicabile è molti dati sono già disponibili grazie ai Dofca, i documenti catasto e fabbricati. Nella maggior parte dei casi basta integrare alcune voci, mentre ci sono 5/6 milioni di immobili per i quali dovremmo partire da zero”.

Un lavoro che i tecnici abilitati potrebbero completare in poche settimane: “Basterebbe usare la formula del fisco amico come fatto per le ristrutturazioni edili – spiega Mion -. I cittadini potrebbero ricorrere all’autocertificazione asseverata da un tecnico con una parcella fino a 100 euro interamente deducibile dalle imposte“.

Un’operazione per la quale servirebbero circa 500 milioni di euro, ma potrebbe innescare un circolo virtuoso, “perché per molti scatterebbe il meccanismo di autotutela” aggiunge il presidente di Agefis: “Chi è convinto di pagare troppo sarebbe il primo a ricorrere all’autocertificazione asseverata per cominciare a risparmiare da subito. Certo il sogno sarebbe quello di arrivare a un testo unico per le imposte immobiliari, ma questo eccede la delega. Speriamo possa essere un punto di partenza“.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...