Europa, un nuovo inizio

 Il Programma del Semestre italiano di Presidenza UE (luglio – dicembre 2014), settore per settore.

Nei sei mesi che segnano l’inizio di questa nuova legislatura, l’Unione europea può gettare le basi per importanti progressi in numerosi settori. Le principali sfide di oggi rimangono: la ripresa dalla crisi economica e finanziaria, l’aumento dell’occupazione, il rafforzamento dei diritti fondamentali e il sostegno ai cittadini europei per tenere il passo con un mondo in rapido mutamento.

La Presidenza italiana del Consiglio UE è determinata ad affrontare queste sfide per aiutare l’UE a progredire. Le elezioni europee hanno dimostrato che vi è una richiesta diffusa e ancora senza risposta di cambiamento in Europa. Un nuovo inizio e una volontà radicalmente nuova sono necessari se vogliamo dare nuovo slancio al progetto europeo.

Matteo Renzi all'Europarlamento per presentare il Semestre italiano di Presidenza UE

Matteo Renzi all’Europarlamento per presentare il Semestre italiano di Presidenza UE

Con oltre 26 milioni di disoccupati in Europa, la creazione di posti di lavoro è un fattore chiave per riconquistare il sostegno dei cittadini al processo di integrazione europea. Dobbiamo agire per creare le premesse per un aumento della crescita potenziale, assicurando servizi pubblici adeguati e sostenibili e la salvaguardia della coesione sociale necessaria affinché i sistemi economici possano beneficiare di una prosperità duratura.

L’Europa ha bisogno di riforme e di innovazione, che sono i principali strumenti per la crescita. Uno sforzo di riforma di ampio respiro a livello nazionale deve coincidere con iniziative analoghe in paesi europei ed essere sostenuto da incentivi a livello europeo.

La più grande sfida dei prossimi mesi sarà quella di garantire che l’Europa sia pronta a competere nell’economia globale. La Presidenza italiana farà ogni sforzo possibile per rivitalizzare la “Strategia Europa 2020” e sostenere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Questa linea d’azione farà perno su una migliore governance della Strategia, al fine di conseguire maggiore crescita e occupazione.

Decisioni strategiche comuni non possono essere adottate mediante semplici strumenti di coordinamento, occorrono strumenti decisionali più efficaci per un’azione comune capace di ottenere risultati concreti e misurabili. La nostra Presidenza intende promuovere un dibattito aperto per aumentare l’efficacia e la validità della Strategia Europa 2020.

Continua a leggere l’intero documento: clicca qui

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...