I figli di Alcide non sono mai morti…

Oggi vi raccontiamo una storia: una storia di amore e coraggio.

Era la notte tra il 24 e il 25 novembre del 1943 quando un gruppo di fascisti fece irruzione nella casa dei sette fratelli Cervi, li fece prigionieri e li fucilò poco più di un mese dopo, il 28 dicembre.

Una famiglia sterminata perché “colpevole” di fare parte di quel grandissimo movimento chiamato Resistenza.

Questa è la storia di sette fratelli che hanno deciso di lottare con tutte le proprie forze per contrastare l’avanzata dei fascisti nell’area vicina a Reggio Emilia, organizzando una vera e propria banda dedita alla lotta partigiana, la “Banda Cervi”.

Alla luce delle recenti notizie che descrivono un’allarmante crescita dei movimenti neofascisti nel nostro Paese come in tutta  Europa, ci sembra doveroso ricordare che ci sono state, ci sono e ci saranno sempre persone pronte a schierarsi in prima linea per far sì che orrori come quelli avvenuti durante la seconda guerra mondiale non si ripetano mai più.

Rinnoviamo il nostro impegno nel contrastare qualsiasi manifestazione neofascista ricordando sempre lo spirito e le parole della nostra Costituzione repubblicana: “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”.

Giovani Democratici di Novara

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...